“Portopalo, più a sud di Tunisi”

 

Premio nazionale di giornalismo, saggistica e letteratura

a-sud-di-TunisiIl Premio di Giornalismo, Letteratura e Saggistica “Più a sud di Tunisi”, promosso dall’Associazione Culturale “Capo Passero”, avente sede a Portopalo, comune in provincia di Siracusa situato al di sotto del parallelo di Tunisi, premia ogni anno giornalisti, scrittori, docenti, saggisti, critici letterari, operatori nel settore della Comunicazione sociale che si sono messi in evidenza su temi riguardanti l’immigrazione, la marginalità e le categorie a rischio, la difesa dei diritti umani, la ricerca storica (con particolare riferimento al Novecento) e lo sport raccontato con “stile letterario”. Il Premio è attento anche ad altri settori: musica, teatro, cinema ed arti visive.

Una sezione del Premio riguarda la “storia del territorio”, evidenziando studi e pubblicazioni attinenti soprattutto al Sud-Est della Sicilia.

Prevista anche la Sezione Speciale “Capo Passero” che prevede riconoscimenti a persone che si sono messe in evidenza in campo sociale.

Inoltre, a discrezione degli organizzatori, sono previste “Segnalazioni di Merito”,  “Menzioni Speciali” e “Premi alla Carriera”.

I temi trattati ogni anno rendono il “Più a sud di Tunisi” un esempio quasi unico nel panorama dei Premi giornalistici e letterari che si svolgono in ambito nazionale.

 ——————————————————————————————–

giphy

TREDICESIMA EDIZIONE

PORTOPALO 3,4,5 AGOSTO 2018

28 giugno 2018

Si svolgerà a Portopalo (Siracusa) – il 3, 4 e 5 Agosto 2018 – la XIII edizione del Premio Nazionale di Giornalismo, Saggistica e Letteratura “Più a sud di Tunisi”, kermesse culturale che nel tempo ha acquisito un prestigio sempre più elevato. Promosso dall’Associazione Capo Passero, in collaborazione con l’Ufficio Comunicazioni Sociali della Parrocchia San Gaetano di Portopalo, il Premio metterà in evidenza, anche in questa edizione, le eccellenze in diversi campi: dal giornalismo alla saggistica, letteratura, teatro, musica, ricerca storica e sociale, spaziando dall’ambito nazionale a quello regionale e locale.

Ad inaugurare l’edizione 2018, il 3 agosto, sarà il monologo teatrale “La guerra di Paulinuzzu Millarti”, di e con Andrea Puglisi, regia di Benedetta Nicoletti. Puglisi, talentuoso attore teatrale di origine catanese, da anni si è trasferito a Roma dove ha preso parte a produzioni di grande prestigio. Il monologo, che verrà presentato a Portopalo in anteprima nazionale, rappresenta un viaggio attraverso l’intero Novecento, con protagonista il portopalese Paolo Montalto.

Il 4 agosto toccherà alle due iniziative speciali inserite nella XIII edizione. Un manipolo di giornalisti e scrittori ad altissimo tasso di qualità darà vita alla seconda edizione di “Ribelli, Sognatori e Fuggitivi”, reading letterario in memoria dello scrittore argentino Osvaldo Soriano (1943-1997), con musiche live curate dal pianista Salvino Strano. Interverranno i giornalisti e scrittori Darwin Pastorin, Massimiliano Castellani e Sergio Taccone, l’ex portiere di calcio (oggi medico dello sport) Lamberto Boranga e il critico letterario e scrittore Massimo Raffaeli. In programma narrazioni che abbracciano il decennio 1968-’78, tra calcio, letteratura e storia. A seguire, “Via Garibaldi 59, dove tutto ebbe inizio. Indagine sul Folkstudio in parole e musica”,  curato dal cantautore Ugo Mazzei – presenza fissa del Premio Più a sud di Tunisi – insieme con Ernesto Bassignano, giornalista, cantautore e conduttore radiofonico che nel 1969 divenne parte del cast fisso del Folkstudio con altri giovani cantautori, tra cui Francesco De Gregori, Giorgio Lo Cascio  e Antonello Venditti. Su Radio 1 Rai, Bassignano ha condotto, dal 1999 al 2011, insieme al giornalista sportivo Ezio Luzzi, la popolare trasmissione di satira sociale intitolata Ho perso il trend. La XIII edizione si concluderà domenica 5 agosto con la cerimonia di consegna dei Premi. Verranno assegnati anche il Premio Speciale “Capo Passero” per meriti sociali e due riconoscimenti “Alla Carriera”.

L’Ufficio Stampa del Premio
 ——————————————————————————————–
DODICESIMA EDIZIONE – PORTOPALO, 5 AGOSTO 2017
“Più a sud di Tunisi”

A “LIVE SICILIA” IL PREMIO GIORNALISMO
Comunicati i vincitori della XII edizione dell’evento culturale di spicco nell’ambito della provincia di Siracusa che si terrà a Portopalo il prossimo 5 agosto. Tra i premiati anche Armando Leone di Filmstudio Roma e per la musica Rosario Bella e Gerardina Trovato.
La serata sarà aperta da un evento speciale dedicato allo scrittore argentino Osvaldo Soriano con la presenza di grandi firme del giornalismo e della letteratura sportiva italiana.

 

Gli organizzatori del Premio di Giornalismo, Letteratura e Saggistica “Più a sud di Tunisi”, evento culturale di rilievo nazionale che taglia il traguardo della XII Edizione, hanno comunicato la lista dei vincitori nelle categorie e sezioni che compongono la kermesse che si terrà a Portopalo sabato 5 agosto (inizio alle ore 20,30) nello splendido scenario naturale del piazzale esterno della Chiesa Maria Madre di Misericordia di via Isonzo.Nella categoria “Giornalismo” il riconoscimento è stato assegnato a “Live Sicilia”, quotidiano on line tra i più seguiti in ambito regionale, diretto da Giuseppe Sottile. Una testata che si distingue per le inchieste giornalistiche sui temi siciliani più scottanti. Ad Armando Leone va il premio “Cinema”. Responsabile di Filmstudio Roma e promotore cinematografico indipendente, Leone vanta un cursus honorum artistico di grande prestigio. Per la sezione “Musica” il premio verrà conferito a Rosario Bella, produttore e autore musicale, e Gerardina Trovato, cantautrice con all’attivo milioni di dischi venduti.Cinque i premiati nelle “sezioni speciali” riservate a siciliani di talento che si sono messi in evidenza in vari ambiti. Per “Territorio: storia e tradizioni” i vincitori sono la docente Laura Liistro, autrice del saggio etnografico “Ritagli di vita” in cui ha documentato l’evoluzione dei costumi della società siciliana tra la fine dell’Ottocento e gli anni 60 del secolo scorso, e Nele Nobile, tra i massimi promotori della tradizione del vino in ambito regionale. Premio “Sociale” a Pinella Miano (assistente sociale molto attiva nella formazione di settore) e a Pasqualina Morana, volontaria pachinese da anni impegnata in progetti di solidarietà in Africa. Il premio “Radio” va a Carmen Attardi, voce radiofonica siciliana tra le più note e competenti. Infine, il “Premio Speciale Capo Passero / Orazio Candiano” va a Gianluca D’Elia, autore di un corto su Portopalo dove viene esaltato il territorio come luogo dell’anima. La XII edizione del Più a sud di Tunisi, promossa dall’Associazione Capo Passero, Asd Portopalo e Parrocchia San Gaetano, sarà arricchita dall’evento speciale dedicato allo scrittore argentino Osvaldo Soriano in occasione del ventennale della sua scomparsa. Alcuni autentici fuoriclasse del giornalismo e della letteratura sportiva italiana (Pasquale Coccia, Darwin Pastorin, Massimiliano Castellani e Cosimo Argentina, con il coordinamento di Sergio Taccone) daranno vita allo spettacolo di narrazione “I ribelli, i sognatori e i fuggitivi narrati da Osvaldo Soriano” in nome e in ricordo di uno dei più grandi scrittori del secolo scorso. Un evento che sarà arricchito dai momenti musicali curati dal cantautore Ugo Mazzei e dal pianista Salvino Strano, con letture sceniche affidate alla voce dell’attore teatrale Davide Sbrogiò.
(15/7/2017)
 ——————————————————————————————–

UNDICESIMA EDIZIONE – PORTOPALO, 28 AGOSTO 2016

(Comunicato stampa del 12 agosto 2016)

Ufficializzati tutti i vincitori del Premio nazionale di giornalismo, saggistica e letteratura, giunto all’undicesima edizione, tra gli appuntamenti culturali più prestigiosi che si svolgono in provincia di Siracusa.

La serata di consegna si svolgerà a Portopalo di Capo Passero, domenica 28 agosto 2016 alle 21, nel piazzale esterno della Chiesa Maria Madre di Misericordia di via Isonzo. Nella categoria “Giornalismo”, riconoscimento a Vito D’Ettorre, inviato di Tv2000, autore di un reportage dal campo profughi di Idomeni, tra Grecia e Macedonia. D’Ettorre ha documentato le condizioni disumane in cui si sono trovate 10 mila persone, bloccate tra il confine greco e quello macedone.

Premiato anche il settimanale Vivere che quest’anno ha tagliato il traguardo del ventennale. Una realtà che nel tempo ha dato voce a quel mondo “pop” apprezzato soprattutto dai giovani. Nella sezione “Informazione e Territorio” i premi sono andati al periodico cartaceo Sicilia Occidente e al giornale on-line SiracusaNews.

Assegnato anche un “Premio alla Carriera” a Pino Malandrino, direttore responsabile del quindicinale “La Vita Diocesana”. Il premio speciale “Capo Passero” va al portopalese Antonio Giuliano, sottufficiale della Guardia Costiera, reduce da una missione internazionale di supporto e assistenza ai migranti nell’isola di Samos (Grecia).

Per la categoria “Letteratura”, premiata Marina Corradi, inviata ed editorialista del quotidiano Avvenire ed autrice del libro “Con occhi di bambina” (Ares), un’antologia di 78 racconti, viaggio della memoria all’insegna della semplicità. Nella categoria “Cinema Sociale” premio al regista Davide Vigore, autore del documentario “Fuorigioco”, per aver saputo raccontare con grande delicatezza e rispetto la parabola esistenziale di Maurizio Schillaci, ex giocatore di Palermo e Lazio, con un presente da clochard dopo aver assaporato la fama e il successo del calcio professionistico negli anni 80.

A Mario Bonanno, tra i massimi esperti a livello nazionale di musica d’autore, va il premio nella categoria “Saggistica” per il libro “La musica è finita, quello che resta della canzone d’autore” (Stampa Alternativa), una serie di interviste e storie con i più grandi nomi del cantautorato italiano. Infine, premio a Sebastiano Lupo, pedagogista e neuropsicologo, nella categoria “Storia e Territorio” per il dettagliato e documentato saggio intitolato “Pachino, l’altra storia: le ragioni di un ritardo” (Morrone Editore).

Nel corso della cerimonia è previsto anche un ricordo di Concetto Lo Bello, in occasione del XXV anniversario della sua morte.

Nell’albo d’oro del Premio spiccano i nomi di Darwin Pastorin, Giulio Albanese, Massimiliano Castellani, Pino Scaccia, Claudio Monici, Bruno Bernardi, Felice Cavallaro, Giovanna Chirri, Alfio Caruso, Sandro Petrone, Maurizio Di Schino, Alberto Chiara, Filadelfo Giuliano, Massimo Maugeri, Simona Lo Iacono, Mario Barresi, Vincenzo Grienti, Roberta Di Casimirro, Paolo Condò, Silvia Rosa Brusin, Massimo Leotta e Andrea Galli.

DECIMA EDIZIONE A PORTOPALO (Siracusa) 12 AGOSTO 2015

_____________________________

COMUNICATO STAMPA – 1 agosto 2015

UFFICIALIZZATI DALLA GIURIA I VINCITORI DEL PREMIO DEL DECENNALE

La Giuria della X edizione del Premio Nazionale di Giornalismo, Saggistica e Letteratura “Più a sud di Tunisi” ha ufficializzato i nomi dei tre vincitori del PREMIO DEL DECENNALE, riconoscimento speciale che viene assegnato in occasione della decima edizione della kermesse che si terrà a Portopalo di Capo Passero (Siracusa) mercoledì 12 agosto 2015.

Nella sezione “Giornalismo – Cronache Nazionali”, il premio va ad Andrea Galli, cronista del Corriere della Sera, per un servizio sui lavoratori nei cantieri dell’Expo di Milano. Già autore di libri di successo, Galli vive e lavora a Milano. Ha scritto anche per il Corriere di Como ed Avvenire. Al Corriere della Sera dove si occupa anche di inchieste e criminalità.

Nella sezione “Giornalismo e Scienza” il riconoscimento è stato assegnato a Silvia Rosa Brusin, giornalista della Rai, artefice, nel 1992, del lancio del Tg Leonardo dalla sede Rai di Torino, il primo programma in Europa di informazione quotidiana interamente dedicato alla scienza. Rosa Brusin ha avuto il grande merito, nell’arco della sua carriera, di avvicinare il pubblico alla diffusione di temi scientifici. Un impegno che ha portato l’Unione Astronomica Internazionale a battezzare con il pianetino numero 7396 in orbita tra Marte e Giove, scoperto nel 1986, con il nome di “7396 Brusin”.

Nella sezione “Sport e Cultura”, il premio va a Paolo Condò, firma tra le più raffinate e preparate del giornalismo sportivo italiano, colonna della Gazzetta dello Sport ed autore di un programma molto seguito su Gazzetta Tv intitolato “Condò Confidential”, con interviste ad un personaggio del mondo dello sport che hanno fatto emergere e conoscere al pubblico il lato personale dei diversi protagonisti dello sport.

Le tre autorevoli firme del giornalismo italiano saranno a Portopalo per ritirare il premio insieme a tutti gli altri vincitori, già comunicati nei giorni scorsi.

L’elenco completo dei premiati è il seguente:

GIORNALISMO: Bruno Bernardi, Massimo Leotta,

STORIE MIGRANTI: Domenico Occhipinti (in collaborazione con Guglielmo Distefano)

SAGGISTICA: Antonino Scuderi, Damiana Spadaro

LETTERATURA: Orazio Caruso

RADIO & INFORMAZIONE: Mimmo Contestabile

MENZIONI D’ONORE: Tecla Carbone (Comunicazione Sociale), Sebastiano Cimino (Teatro), Radio Giovani Stereo Pachino (Radio), Sebastiano Aiello (Tradizioni Locali), Jessica Lupo (Musica).

PREMIO “FRONTIERE E IMMIGRAZIONE”: G.I.C.I.C della Procura della Repubblica di Siracusa.

PREMIO ECCELLENZA “CAPO PASSERO”: Ugo Mazzei (Musica), Mariagiovanna Mirano (Letteratura), Gianni Firera (Comunicazione Istituzionale e Giornalismo), Sebastiano Campisi (alla carriera).

PREMIO SPECIALE DEL DECENNALE: Andrea Galli (Giornalismo – Cronache Nazionali), Silvia Rosa Brusin (Giornalismo e Scienza), Paolo Condò (Sport e Cultura).

Cerimonia di consegna in programma mercoledì 12 agosto a Portopalo di Capo Passero (Spiazzale interno della Chiesa Nuova Madre di Misericordia, via Isonzo, ore 21).

1 AGOSTO 2015.

UFFICIO STAMPA DEL PREMIO PIU’ A SUD DI TUNISI

_______________

- – - – - – - I Vincitori dell’edizione 2014 - – - – - – - – -

Condividi su:

I commenti sono chiusi.